Uso di WA (ha) e GA

e sono due particelle molto importanti nella lingua giapponese. Esse vanno ad enfatizzare il tema o il soggetto (che le precede) nella frase e spesso non è facile capire bene in quale caso usare l'una o l'altra, o entrambe. Inoltre, il compito è reso più difficile dal fatto che il tema di una frase può corrispondere ad un complemento oggetto, di tempo, ecc.
Come altre particelle, vengono tecnicamente chiamate "posposizioni" perché vengono sempre utilizzate dopo l'elemento nella frase al quale si riferiscono. Per utilizzare bene queste due particelle è anche fondamentale avere già bene in chiaro cosa si voglia dire e con quale espressione od enfasi.

Partendo dal presupposto che nella maggior parte dei casi "は" segue il soggetto quando questo corrisponde al tema della frase, analizziamo alcuni casi:

Ho letto un libro
私 は 本 を 読んだ 
Watashi ha hon wo yonda

...dove sottolinea il soggetto della frase, ovvero (watashi - io),

è diverso da
Ho letto un libro!
本 が 読んだ!
Hon ga yonda!

...dove va ad enfatizzare il tema principale della frase che, in questo caso, è il libro (ipotizzando che io non sia una persona che legge libri, e presentando quindi il fatto come un evento straordinario).

Il , infatti, viene utilizzato come rafforzativo nelle frasi il cui senso è quello di dare una notizia, o constatare qualcosa di nuovo ed inaspettato.
E' fredda, l'acqua!
水 が 寒い! 
Mizu ga samui!

...come se io non mi aspettassi quella temperatura,

sarà diverso da
L'acqua è fredda
水 は 寒い です 
Mizu ha samui desu

...descrivendo una situazione statica, come se si sapesse che l'acqua è a quella temperatura.

Analizziamo un altro caso:
C'è una mela, sul tavolo
机 の 上 に りんご が あります 
tsukue no ue ni ringo ga arimasu

...dove sta a sottolineare l'esistenza della mela.

La mela è sul tavolo
りんご は 机 の 上 に あります 
ringo ha tsukue no ue ni arimasu

...dove si utilizza per sottolineare il soggetto della frase, che è りんご (ringo - mela).

Tra le due frasi, la differenza sta che nella prima il "punto forte" è l'esistenza di una mela sul tavolo, mentre nella seconda il "punto forte" è la mela, chiara e definita.

Lo stesso principio si applica alle persone:
Ci sono dei bambini al parco
公園 で 子供たち が います
kouen de kodomotachi ga imasu

...in questo caso sottolinea l'essere al parco dei bambini, ovvero l'esistenza di "bambini" al parco.

I bambini sono al parco
子供たち は 公園 で います
kodomotachi ha koen de imasu

...in questo caso si usa per sostenere il soggetto della frase, cioè "i bambini", che recepiamo in modo ben definito (quei bambini, e non altri).

Ci sono poi situazioni in cui è rigoroso l'uso dell'una o dell'altra particella.
Ad esempio, nelle frasi interrogative con soggetto "quale?", "chi?", l'uso di è obbligatorio.
Chi è venuto?
だれ が 来ました か
dare ga kimashita ka


In sintesi, scegliamo se:
- il soggetto della frase corrisponde al tema della frase;
- se la frase sta ad indicare una condizione statica o usuale;


Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookies.

Vedi Informativa Privacy

Hai rifiutato i cookies. Alcune funzioni potrebbero risultare inaccessibili. Questa decisione può essere cambiata.

Hai permesso che i cookies venissero memorizzati sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere cambiata.